fbpx

I nomi della carne

Si tratta di una tesi di ricerca di sociolinguistica condotta nei primi anni del 2000. Un’indagine linguistica effettuata sul territorio di Sciacca e della Sicilia occidentale. Un sito che racconta della ricchezza linguistica del mestiere del macellaio. Un linguaggio specialistico, un linguaggio settoriale, che per molti aspetti, è in fase di estinzione. La ricerca si è svolta tramite interviste ed ha raccolto molti elementi antropologici. Ma l’interesse è stato rivolto prevalentemente alla denominazione della carne degli animali.

Inizia

Gli animali

La ricerca ha preso in considerazione principalmente le carni di provenienza bovina. La muscolatura del bovino, infatti, si definisce meglio di altri animali di piccola taglia. I nomi della carne suina e ovina, per esempio, prendono la loro denominazione dalla definizione bovina. Con delle eccezioni, ma appunto si tratta di eccezioni che sono state evidenziate. Non è stata presa in considerazione, invece, la denominazione della carne equina. Tradizionalmente questo tipo di carne non appartiene alla tradizione culinaria di Sciacca. Dal momento che è sconosciuta nella cucina  popolare non si sono trovati informatori che fornissero elementi linguistici.

Osserva

La Macellazione

Fare il macellaio non significa(va) solo vendere al banco la carne. Un tempo, il mestiere richiedeva di ricoprire professionalmente molte fasi. Si andava dalla stima dell’animale in stalla, alla macellazione in mattatoio, alla vendita dal dettaglio. Il macellaio, infatti, si recava al macello per macellare personalmente gli animali che aveva acquistato. Oggi le nuove norme non lo permettono più. Ma la macellazione resta un processo legato al lavoro del macellaio, che oggi si limita ad osservare il lavoro dell’addetto macellatore. Si raccolgono qui le denominazioni della macellazione secondo le procedure che, in Sicilia, vigevano dai primi del Novecento. Denominazioni della macellazione vera e propria, fino al sezionamento in quarti.

Guarda

Lavorazione della carne

Dal mattatoio si passa alla macelleria. Qui avveniene la trasformazione dei quarti in tagli di carne da vendere al dettaglio. Procedimenti di lavorazione precisi, chirurgici, che hanno da sempre avuto una denominazione specifica. Metodi antichi che si sono sviluppati e migliorati nei secoli. Gesti che si sono ripetuti nel tempo, trasmessi da padre in figlio, da macellaio a macellaio, da mano a mano, da orecchie ad orecchie, fino ad arrivare, in buona parte, ai nostri giorni. 

Scopri

La carne

È questo il centro, sarebbe il caso di dire, il cuore della ricerca. Da qui si è tratto il glossario dei nomi della carne che questa tesi ha avuto il merito di raccogliere e conservare. Molte delle denominazioni, che si trovano qui, purtroppo, oggi, si sono estinte o sono in fase di estinzione. Il mestiere del macellaio non è più quello di una volta. La lingua, così come il mestiere, cambia, si evolve e qualcosa si perde, soprattuto nel dialetto. Anche gli strumenti scompaiono e con loro il nome che li definiva. Nella speranza di mantenere in vita alcune di queste parole, o almeno di fissarne il ricordo, è stata scritta, a suo tempo, la tesi; ed oggi, si pubblica questo sito.

Esplora

Le ossa

Questa tesi mostra, tra le altre cose, che la terminologia della lingua dei macellai dialettali, era ed è una terminologia scientifica. Persino la carcassa dell’animale, quello che è lo scheletro, in ogni sua parte, ha un nome, una denominazione. Le ossa sono uno scarto che, in anni passati, avevano un ruolo nella nostra cucina. Le ossa erano quello che oggi sarebbe il dado per il brodo. Ingrediente povero ma definito da una denominazione conosciuta da macellai e anche da clienti.

Approfondisci

Le frattaglie

Un tempo, le condizioni di vita richiedevano di consumare ogni parte commestibile dell’animale. Nulla andava perduto o buttato. Famoso il detto che “del maiale non si butta via niente”. Ma non solo del maiale. Le frattaglie costituiscono, ancora oggi, l’ingrediente di antiche ricette popolari. E per ogni parte delle interiora esisteva ed esiste una ricetta. Anche qui, ogni parte delle interiora ha una sua denominazione specifica. Un nome.

Sviscera

La lingua al macello

dai libri di linguistica italiana al banco della macelleria e viceversa

Sale prima della cottura? No

Niente sale prima della cottura! Per favore! Una cattiva abitudine di sedicenti esperti del barbecue è quella di salare la carne prima della cottura. Lo fanno cuochi che sono ritenuti di grande levatura e lo si vede spesso sui canali social, dove la preparazione della...

leggi tutto

Polpette di carne e ragù

Qui presentiamo le polpette di carne e ragù siciliane, anzi saccensi. Grazie alla nostra presenza sui social, come Facebook e come il nostro account instagram, stiamo instaurando alcuni contatti molto interessanti. Per esempio, su instagram ci siamo messi in contatto...

leggi tutto

I nomi delle ossa

Ho scritto poco sulla tesi riguardo i nomi delle ossa. Come chiamare le ossa, la loro denominazione, infatti, fa parte di una conoscenza scientifica molto profonda, che non interessava i macellai. E tanto meno interessa oggi, dove la richiesta delle ossa è sempre...

leggi tutto

Contribuisci con i tuoi nomi della carne

Sarebbe bello se ciascun lettore contribuisse con i nomi della carne della propria zona o città. Arricchiamo insieme il glossario. Scrivici! Molti nomi della carne stanno anche scomparendo e sarebbe interessante avere una raccolta delle denominazioni usate in altre località d’Italia.
E chissà, magari, un giorno, si potrà arricchire questo sito con le denominazioni di pesce, frutta, verdura.
C’è un mondo linguistico da scoprire! Condividiamolo!

VUCCIRIA

Il nome di un mercato per raccogliere la vostre voce, la vostra idea di cibo e di cucina e di cultura.

Uno spazio dove parlare e ascoltare.

Pin It on Pinterest